“...esiste una maniera per arrivare dù ore prima a Lione: se parte dù ore prima da Lione!”. (Ascanio Celestini) - NO TAV

lunedì 25 giugno 2012

Prendo la rincorsa...

Con il dovuto rispetto per quelle "vere", a voler cercare l'aspetto positivo dietro ad una malattia posso almeno dire di essermi riposato, di aver staccato dal lavoro e dai casini frenetici della vita per 7 giorni di fila. Avrei certamente preferito non farlo così, ma non sempre si può scegliere, a volte sceglie "qualcos'altro" per noi.
Non corro da domenica scorsa, non l'ho fatto oggi e non lo farò domani. E neppure dopodomani.
Non posso dire di aver recuperato nulla in questa settimana di stop forzato, e probabilmente non recupererò neppure in questa: la previsione più ottimista è quella di ripartire da zero, tra 5-6 giorni. Perchè stavolta mi sono messo in testa di fare le cose per bene. Ieri sera sono sceso per strada per svolgere un paio di faccende dopo una settimana che ero chiuso in casa ed al ritorno le tre rampe di scale hanno fatto la loro porca figura al rispetto delle mie gambe debolucce! Quindi, gicchè sto sotto zero, mi tocca recuperare partendo da molto dietro stavolta.
Urino una schifezza maleodorante, che sa di chimica, di siringhe di antibiotici, di merda! Allora questa settimana ho programmato 2-3 uscite di passeggiata all'aria aperta, ad iniziare da domani, ma niente corsa: camminata, stretching, respirazione, calma e sangue freddo.
Bere, bere, bere a non finire, depurare reni e fegato e buttare fuori quante più tossine possibile, intensificare quanto più possibile la dieta vegetariana, preferendo verdure a foglia anche agli stessi ortaggi. Questa è la missione di questa settimana. Il contakilometri resta fermo, ma non mi importa. Questa volta voglio fare le cose per bene e non rischiare.
Devo ripartire da dietro, attraversare lo zero...puntare a 100....


Nessun commento:

Posta un commento