“...esiste una maniera per arrivare dù ore prima a Lione: se parte dù ore prima da Lione!”. (Ascanio Celestini) - NO TAV

domenica 23 febbraio 2014

LUNGHISSIMO

Il lunghissimo è andato e con esso l'80% della mia paura di non farcela per mancanza di un adeguato allenamento.
Ieri pomeriggio ho corso i miei 36 km in 3h 33' e le sensazioni del dopo corsa non sono state poi così schifose. Ho condotto l'allenamento volutamente da solo, per poter decidere in piena autonomia il ritmo più consono al mio passo attuale, senza farmi condizionare dalla presenza di un compagno che potesse avere un ritmo superiore (o inferiore) al mio. Ho corso in assoluta scioltezza e tranquillità i primi 21/22 km. Poi è cominciata ad affiorare una certa ansia, non saprei come definirla, ma l'ho già provata altre volte. Non è solo una questione di gambe o polmoni, anzi. Se dovessi dare un voto alle mie gambe direi che si meritano un bel 8. Ho recuperato peraltro abbastanza bene e già adesso dopo 24 ore mi sento abbastanza fresco. I miei polmoni stanno benone, 8 anche a loro. Mai un cenno di affanno o di affaticamento di nessun genere, anche grazie ad un ritmo sempre volutamente blando, da allenamento.
Ciò che mi ha fatto difetto, a parte un'iperacidità finale causata da una bustina di zucchero maldestramente buttata giù al 25°, è stata la testa, l'ansia di non farcela. E' qui che devo lavorare nel mese che mi separa dallo start della Maratona di Roma: devo convincermi che posso farcela, che correre per 4 ore di fila è non solo possibile, ma anche..."auspicabile" direi!!!
Sono alla mia nona maratona, eppure ogni volta me ne dimentico...



venerdì 21 febbraio 2014

MARATONA DI ROMA 2014 e PORTOSELVAGGIO HALF MARATHON

Ci siamo! 
Nel bel mezzo della preparazione della Maratona di Roma del prossimo 23 marzo, giunto ormai in grave ritardo alla soglia dell'allenamento del 32° km che farò domani pomeriggio, mi ritrovo nel bel mezzo di una entusiasmante organizzazione di una gara, una splendida esperienza a dire il vero che mi sta facendo confrontare con nuovi e vecchi amici, con il mondo dell'imprenditoria a livelli anche abbastanza alti e con uno spirito solidaristico che a me grazie al Cielo non ha mai fatto difetto, ma che spero assuma in questa occasione una portata più sostanziosa.
Parlo della Portoselvaggio Half Marathon, gara di 21 km organizzata tra gli altri anche dal sottoscritto e da tanti altri amici che stanno con me condividendo questa esperienza spero esaltante fino alla fine.
Vi aspetto, amici blogger e conoscenti, per correre "a casa mia" questa volta, come se foste tutti quanti miei personalissimi ospiti.
Di seguito pubblico un pò di link:

IL REGOLAMENTO: http://www.cronogare.it/eventi.asp?ide=257

IL SITO: www.sportrunningportoselvaggio.blogspot.it

LA PAGINA FB: https://www.facebook.com/pages/Portoselvaggio-Half-Marathon/1385587231700279?fref=ts

IL VOLANTINO UFFICIALE della gara




mercoledì 12 febbraio 2014

Mi diverto...

L'avevo detto alcune settimane fa che ricominciavo a divertirmi. E lo confermo.
Mi diverto quando vedo che alcuni sacrifici cominciano a diventare frutti: a piccoli grandi passi la mezza maratona che stiamo organizzando per il prossimo 11 maggio sta prendendo la forma che avevamo pensato di darle. Non ci dormo la notte ed il giorno sono sempre impegnatissimo. Ci sto mettendo l'anima, ma sto imparando tantissimo. Un'esperienza che, nel bene o nel male, mi sta formando come poche.



Mi diverto quando il mio lavoro mi riesce bene, mi dà soddisfazione. Non economiche, purtroppo quelle stentano, ma non per colpa nostra, bensì a causa di questa congiuntura sfavorevole e di questo stato che ci sta succhiando anche il midollo. Ma ci sta venendo una gran bella cucina e questo mi gratifica molto.


Mi diverto perchè due giorni fa mi sono iscritto dopo ben un anno e mezzo ad una maratona, quella di Roma. E' ufficiale: al netto della sfiga (come dico sempre) il 23 marzo sarò alla ventesima edizione della Maratona di Roma. Obiettivo tagliare il traguardo, e non lo dico tanto per dire questa volta, ma per necessità. Non faccio un lunghissimo dall'ultima preparazione, anche se sono in forma e ne farò un paio prima di presentarmi al via, a cominciare da sabato prossimo.

Sabato passato ho corso 19 km, domenica ho partecipato al bel Cross del Cillarese a Brindisi, dove ho avuto la conferma di stare bene, oggi pomeriggio ho corso altri 12 km e adesso per fine settimana conto di chiudere una distanza da 25 a 27 km.


Tanta roba, insomma. Tanto entusiasmo che spero continui a convogliare verso cose positive come sta avvenendo ultimamente.
Alla prossima.

domenica 2 febbraio 2014

GALLIPOLI CHIAMA ROMA

Ora che sono di nuovo qui, poco prima delle 22 di questa intensa domenica di febbraio, a sgranocchiar carote al caldo, davanti al pc sembra tutto così facile.
Stamattina la musica era un tantino diversa: ti svegli alle 7 e scopri come prima cosa che la speranza della vigilia di poter correre una mezza maratona all'asciutto è vanificata da un cielo plumbeo, pioggia battente e vento. E la sensazione di sconforto è amplificata dal fatto di sapere che la suddetta mezza si corre a Gallipoli, tutta su lungomare, dove già in condizioni definite ottimali spira sempre un vento che non te lo raccomando. Figuriamoci oggi.
Infatti, come da previsione, su 10 atleti della mia società iscritti alla vigilia, partiamo in 5 ed io sono tra questi. Tempaccio della malora, ma ciò che più infastidisce e rende tutto terribilmente difficile è il fortissimo scirocco che ci soffia in faccia per lunghi tratti, gonfia il mare (spettacolare!) e rende la sesta edizione della Maratona dello Ionio di Gallipoli sempre più la mezza dello "iodio", come la ribattezzo io da diversi anni in qua. Un aerosol di acqua marina eccezionale.
Tutto sommato una buona prova la mia, chiusa in 1h 46' 29", senza mai grosse crisi e grossi affanni patiti, gestita egregiamente ed in ottima compagnia del mio amico Giancarlo fino al 12° km, tirando il fiato col vento contro e spingendo quel tanto che basta quando ce l'ho alle spalle. Poi l'ho perso, aveva una marcia in più.
Un arrivo in volata, spinto da un trenino interessante di aitanti podisti agganciato a circa tre km dall'arrivo che mi hanno tirato abbastanza bene, dandomi un bel ritmo finale. Ottimo.
Mi sono divertito e questo è sempre ciò che conta di più.
E mi sono allenato per la Maratona di Roma che si avvicina sempre di più. Adesso è arrivato il momento di allungare con decisione: conto di fare 25 km entro questa settimana, 30 entro il 20 di febbraio e 35/36 km per la fine del mese.
Gallipoli chiama Roma. A presto!