“...esiste una maniera per arrivare dù ore prima a Lione: se parte dù ore prima da Lione!”. (Ascanio Celestini) - NO TAV

domenica 12 febbraio 2012

La mia Mezza Maratona di Gallipoli 2012 *FOTO*



Per comprendere il perché delle mie scelte di stamattina bisogna partire da questa notte: sono le ore 2:30, comincia a piovere forte, sempre più forte, tanto forte che alle 3:15, con in testa un temporale pazzesco, sono costretto a scendere giù per strada e mettere su le paratie anti-allagamento al mio negozio. Il temporale è davvero forte! Lampi e tuoni a tutta forza…
Da lì in poi, al mio rientro a letto, fino al suono della sveglia prevista per le 6:30 io non dormirò praticamente più: continuo a sentire la pioggia venir giù, a tratti più intensa, a tratti meno, ma sempre abbastanza forte. Alle 6:29 anticipo il suono della sveglia: stamattina c’è in programma la Mezza Maratona di Gallipoli e siamo in tanti a doverla correre: fuori piove a dirotto e bisogna prendere una decisione. Mi affaccio alla finestra ed il cielo è nero, la pioggia continua a cadere ed ormai ha abbondantemente allagato strade e campagne. Mi sono sentito un po’ Schettino stamattina, col cellulare in mano, indeciso sul da farsi, devo dire la verità: ho inviato un sms a tutti invitandoli a saltare l’appuntamento con la consueta colazione pregara, attendendo un’altra ora per vedere gli sviluppi meteo ed eventualmente ritrovarci tutti a Gallipoli, in Piazza, poco prima della partenza. In fondo siamo a soli 14 km dalla partenza, ce la possiamo fare, se spiove!!!
A questo punto scatta l’insubordinazione: tutti decidono di rispettare l’appuntamento con the e biscotti ed il capitano della nave, che poi sarei io, paradossalmente rischia di rimanere a bordo “con infamia”. E vabbè, scendiamo!
Piove maledettamente e quando sento che si vuole andare comunque alla partenza a vedere la situazione rimango sinceramente un po’ interdetto. Ma alla fine mi accodo agli altri, diciamo che “mi piego al volere della maggioranza”…ed arriviamo a Gallipoli.
Siamo a cinque minuti dalla partenza della 21 km più inzuppata della storia: siamo dieci. Sei decidono di partire, quattro no. Io faccio parte del primo gruppo.
Premessa: non ho fatto colazione (un caffè senza zucchero); sono male equipaggiato, leggero e con un kway smaniato sopra una maglietta per nulla impermeabile; senza cappettina antipioggia, piove forte e tira un vento discreto che ti fa gelare addosso le gocce già fredde di per sè. Ma parto alla fine, ormai ci sono e quasi quasi ci voglio provare.
Pioverà dal primo al 15° km, più o meno forte, poi sempre meno fino a smettere; le strade sono abbastanza allagate e soprattutto nei pressi del giro di boa vicino all’Hotel Costa Brada sulla litoranea ugentina le pozzanghere sono laghi e per poter proseguire bisogna deviare sconfinando nella corsia opposta. Ma è divertente, sono sciolto, non mi fermo praticamente a nessun ristoro d’acqua perché l’ultimo dei problemi oggi è il calo di liquidi. Le gambe girano bene, la testa si fa sempre più convinta, ogni km che passa i ritmi scendono che è una meraviglia. Insomma, sto andando forte! Miglioro costantemente dall’undicesimo km all’arrivo, con gli ultimi due tirati a ritmo ripetuta.
Vado così forte che taglio il traguardo in 1h 37’ 45”, segnando il mio nuovo PB nella mezza maratona: sono due minuti sotto la mia migliore prestazione di Parabita dello scorso ottobre e addirittura dodici minuti in meno rispetto alla stessa mezza di Gallipoli dello scorso anno. Praticamente una vita!!! Le ripetute ed il gran lavoro di gambe, polmoni e testa di questi ultimi mesi sta pagando eccome. La mia nuova dieta vegetariana mi rende più leggero e più agile, muscolarmente più reattivo. Sto migliorando a vista d’occhio e sono contentissimo, dovendo prò in tutta onestà ringraziare per questa nuova impresa i miei compagni di squadra che mi hanno più volte spronato a partire in condizioni che, alla partenza, erano davvero proibitive. Fosse stato per me me ne sarei stato a letto, sono sincero, questa volta sì. Ed avrei clamorosamente sbagliato, perché nella corsa bisogna provarci sempre, sempre!!!
E’ incredibile come a volte capitano le cose più belle quando meno te lo aspetti. All’arrivo ci saluta persino un timidissimo sole, che durerà appena il tempo di alzare gli occhi al cielo e rendersi conto che c’è.
Ora piove di nuovo, ancora. Ma ormai è finita!!!

8 commenti:

  1. li mortè che crono! vedi, senza aspettative...? ;P

    RispondiElimina
  2. Grandissimo! seguivo i tuoi allenamenti postati su FB, ed alla fine il lavoro duro paga sempre! festeggia e subito pronto al prossimo PB ;)
    ps. solo su una cosa non sono d'accordo, i liquidi si perdono anche sotto la pioggia (anche in piscina o mare), diminuisce solo percezione della disidratazione.

    RispondiElimina
  3. Yò: sì credo proprio che la mancanza di aspettative liberi il cervello da un gravoso peso che poi in corsa si paga eccome!
    @orlando: Grazie!!! Hai ragione, mi sono espresso male: intendevo dire proprio così, diminuisce la percezione infatti, ma il sudore c'è sempre e con esso la perdita di liquidi! ;)

    RispondiElimina
  4. Hai fatto bene, ogni lasciata è persa; mal che fosse andata avresti fatto un bel lungo!
    Quando si parte poi mentalmente leggeri senza grosse aspettative spesso ci scappa il risultato com'è successo oggi... ed è una bella iniezione di fiducia.
    Bravo!

    RispondiElimina
  5. Grazie Franchino...è andata proprio così infatti!!! ;)

    RispondiElimina
  6. dev'essere bello avere una squadra così!! l'idea della colazione pre-gara tutti assieme mi piace proprio.
    e ancora bravo per l'ottimo tempo (lo so che te l'ho già scritto su fb, ma dopo aver letto della nottataccia.. un bis ci sta)!
    Chiara

    RispondiElimina
  7. Ciao Chiara, sì, abbiamo una bella squadra! a volte mi fanno un pò incazzare, ma ci sta: l'amore-odio tiene uniti! baci :)

    RispondiElimina
  8. bella giusè! gara molto bagnata ma bella anche per i continui incitamenti di quelli che correvano sull'altra corsia (che già tornavano...rispetto a me -ovviamente!-).
    ottimo tempo, per me ancora molto lontano
    alla prossima
    albe 1h52

    RispondiElimina